Music Score

Cosa dicono di noi


Più nicchia di così:

Ci scusiamo per le dimensioni del file ma se volete leggerlo potete scaricarlo cliccando sull'immagine

LUGO "Un petit chef-d'oeuvre éditorial, qui devrait servir d'exemple à une industrie discographique en crise et en quête d'identité. En cette année où l'on commémore le centenaire de la Salle Favart, on ne pouvait rêver plus somptueux hommage à l'un de ses plus beaux ténors."
"S. Segalini su Opéra International, giugno 1999"
LUGO "TIMAClub presta un servicio inestimable a su memoria… una voz extraordinaria"
"P. N. su Opera Actual, s.d."
LAURI VOLPI "…todo ello en un documento unico de alarde tenoril… Una joyaza."
"F.F. su Diverdi Classics, marzo 1994"
LAURI VOLPI "…rend ce disque proprement inestimable: d'abord, par la qualité d'un texte d'accompagnement extrêmement détaillé et riche d'informations de toute première importance; ensuite par …"
"S. Segalini su Opéra International, febbraio 1998"
SCHIPA "Con la scrupolosidad acostumbrada, TIMAClub nos invita… Ella mi fu rapita es increible." "F.F. su Diverdi Classics, marzo 1994"
GIGLI " Amid the myriad Gigli CD collections, this one at least offer something different… the selections really are interesting…"
"Ralph V. Lucano su Fanfare, marzo-aprile 1994"
PERTILE "La entrega discografica se enriquece con el acompañamiento de un hermoso libro, pleno de contenido literario y fotografico de inestimable valor informativo. Que siga la racha de TIMAClub…"
"Fernando Fraga su Diverdi Classics, aprile 1995"
PERTILE "…impresa eccezionale…"
"G. Gualerzi su La Stampa, 3 maggio 1995"
PERTILE "Una gramatica vocal vivente….impagable iniciativa… una publicaciòn esencial."
"Roberto Andrade su Diverdi Classics, maggio 1995"
PERTILE "…avec un soin dans l'édition qui fait honte à la plupart des firmes discographiques…. Le tou présenté avec un scrupule et une densité d'information exemplaires…. Une leçon de goût et d'histoire à méditer."
"S. Segalini su Opéra International, giungo 1995"
PERTILE "…se completa con un magnifico libro…"
"J. Pérez Senz su El Pais, 17 giugno 1995"
LAZARO " La resurreciòn de Lazaro"
"J. Martin de Sagarmìnaga su Diverdi Classics, marzo 1996"
LAZARO "…con la seriedad que caracteriza a sus lanzamientos, publica un esplendido album… Son casi cuatro horas de auténtico infarto para el oyente…"
"G. Badenes su Ritmo, giugno 1996"
LAZARO "I urge Mr. Tiberi to look for the rest of Lazaro's output…"
"J. Neckers su The Record Collector, n°6, 1996"
MASINI "…volumetto preziosissimo, dove dominano l'accurata cronologia, compilata come Dio comanda e la preziosa discografia."
"G. Landini su L'Opera, ottobre 1997"
PAMPANINI "… de pareja excelencia a la que nos tiene acostumbrados TIMAClub …"
BUTI "In a country so often neglectful of its song tradition it is rather surpresing to find the… hommage to Carlo Buti… Undisputed king of Italian melody from the '20s to the '50s, idol revered by Italians in the States (but not only)…we can hear his famous high notes and his equally famous mezzavoce held and softened almost to silence…"
"F. Vacalebre su http://www.napolimusic.it del 12 agosto 2000"
BUTI

"It was May 20, 2005 -- a day that changed the focus of my life forever.  A very special friend of mine had compiled and sent to me a CD of artists from his extensive library of 78 records.  It was entitled "Great Voices of the Century", and included names you might expect -- John McCormack, Richard Crooks, Henry Burr, as well as several of my own favorite vintage performers.

 
The last two tracks were credited to someone unfamiliar to me -- Carlo Buti.  I listened with pleasure to the other selections, and then the first rollicking notes of "Se Avessi un Mandolino" came to my ears, followed by the purest, sweetest, richest, most perfectly controlled voice I had ever heard!  I can only describe my reaction as stunned.  A dozen bars and I told myself "I have got to have more of this guy"!
It is difficult to describe my feelings.  That Voice, full of life and love and tears and laughter and all the emotions I had ever felt, projected itself through time and space and as straight as an arrow directly into my soul.  Never mind that I understood not a lyric!  There was no need for words.
After hearing "T'Aspetto a Napoli", still in shock, I replayed those two songs for hours, after which I searched out every bit of his work that I could find on the internet, and bought it all! 
As most of you know, from that day forward I have devoted much more time than is practical to the hearing, the enjoying, the sharing, and the pursuit of Carlo Buti's peerless contribution to the beautiful music of this world.
Today, two years after that first matchless moment, I want to thank each of you who has shared with me their stories and materials, knowledge, enjoyment, and true love of Carlo Buti and his music:
 
To Enrico Borsetti, for his e-mails containing information about Carlo Buti,...;  

To Dona De Sanctis, for her time and her sympathetic ear when I called her in search of other "Buti Boosters", for her immediate decision to do an article on Carlo Buti in the OSIA magazine "Italian America",...;  

To Sal Frantantaro, for his inspired e-mails in which he describes, in exquisitely beautiful language, a deep feeling for Buti which is very near to mine -- and for trusting me with his priceless 8-track tapes!...;  

To Charles La Rocco, for keeping me in mind as he searches through his vast inventory...;  

To Kevin Lobat, for his youthful exhuberance in describing his attachment to Carlo, and the family traditions and culture behind it...;

To Joe Luperini, more gratitude than I can ever express for the wonderful discs... and to Gloria, for her patience and time spent relaying messages from Joe to me and vice versa....;

 To Jim Pecora, for his graciousness when I called him in the midst of his birthday party to talk about Carlo Buti!!...;

To Mario Rapisarda, for his dedication, patience, and persistence in composing the excellent Buti article for "Italian America" magazine.  It is my understanding that his work has resulted in a remarkable increase in the demand for Carlo Buti CDs!...;;

To Rudi Sazunic, the excellent purveyor of high-quality Buti 78s who has contributed greatly to my collection...; .

To Tony Schepis, for everything!!!  Tony has taught me more about Carlo Buti than I could ever have learned without him.  He has sent me articles, photographs, translations, bits and pieces of information that have fed my insatiable thirst for facts about Carlo Buti, as well as tips on things that exist on the internet. . . . for   length comments about the Man, the Voice, and our love for both.  (To Irene, thanks for holding dinner while Tony and I indulge in the aforesaid activity!)  I shall always owe a huge debt to Tony Schepis!...;

To Maurizio Tiberi, who provided us all with the best Buti material available and the excellent biodiscography (which I still can't read, Maurizio!!)  Do we dare hope for more such work in future?...;

And last but actually first, and a bit out of alphabetical order, my very, very special friend, Jon Guyot Smith!... Fate guided his hand, I'm certain, when he recorded "Se Avessi un Mandolino" on that CD he sent me two years ago. ... he listens patiently to my "raves" about Carlo Buti -- even encourages them!!  And he shares the love that he created in me for the indescribable beauty that is Carlo Buti's voice.  Jon, I will never be able to repay you for giving me the beauty and the pleasure that I have known since May 20, 2005!!   I now plan to spend the remainder of this Special Day listening to the Golden Voice of Carlo Buti, and wishing good things for each and every one of you!!

 
Mona Lasater
 
Anche noi del TIMAClub dobbiamo molto, anzi moltissimo a Tony Schepis. Lui scrive, manda e-mail, spedisce fotocopie... noi rispondiamo dopo mesi, lui si arrabbia, poi le cose si acquetano nel nome della comune passione per Buti. Ora possiamo finalmente ringraziarlo di fronte a tutti i nostri amici, approfittando della "lettera d'amore" di Mona, e lo facciamo di cuore!
WANDA OSIRIS  "Il cofanetto dedicato a Wanda Osiris... si può considerare una preziosità nella storia di questa etichetta, pur tanto ricca di titoli rappresentativi.... La mia predilezione per questo "cofanetto incantato" è dovuta, oltre che alle esecuzioni musicali, al bellissimo libretto cui si accompagnano i due CD...l'introduzione di Clenzo Nicoletto, così precisa e appassionata, mi ha letteralmente coinvolto."
"Luciano Di Cave su Il Segnalibro n° 96 del giugno 2004"
LAPPAS - CALLAS Il disco è impreziosito da una rarità: un inedito (incredibile) di Maria Meneghini Callas (…) L’incisione non è del livello di quelle realizzate in studio, ma è di gran lunga superiore ai live captati in modo piratesco.  Non c’è bisogno che mi dilunghi sul valore storico di questo reperto. Dal punto di vista musicale, prego il lettore di ascoltare la cadenza dell’Aria. Nessuno nel Cinquanta poteva cantare passi di coloritura con questa competenza. È la rivelazione del belcanto e della sua forza espressiva"
"L'Opera del gennaio 2005, pag.98"
LUCIANO VIRGILI  volume 2     "...insieme ad alcune composizioni meno note ne abbiamo altre, la maggior parte, di quelle che hanno rappresentato ciascuna la storia della loro epoca e, nel contempo, hanno contribuito a rafforzare la celebrità del cantante... (...)... Se già conoscete la voce di Luciano Virgili non perdete l'occasione di riascoltarlo nel repertorio cye lo rese famoso...(...)... apprezzate il suo modo di cantare, così spontaneo e naturale, che lo elevò, a suo tempo, al di sopra di molti suoi contemporanei.
"Luciano Di Cave su Il Segnalibro n° 98 del settembre 2004"
ALESSANDRO DOLCI: "Questa volta il TIMAClub non si è limitato al libretto incluso nella scatola del CD, ma ha stampato un vero e proprio libro, dedicato ad Alessandro Dolci, e, di riflesso, alla Parisina, libro che costiuirà... una vera attrazione..." - "I brani riportati sul CD sono davvero interessanti e la voce di A. Dolci ne viene fuori bella, vibrante e sicura... Alessandro Dolci, un tenore che può figurare, a buon diritto, nell'albo d'oro dei grandi tenori storici." 
"Luciano Di Cave su Il Segnalibro n° 100 del novembre 2004"  
LAPPAS: dall' Unione dei Critici Greci di Musica e di Teatro (m° Kiriakos Lukakos):   "Egregio signore, siamo lieti di annunciarle che la Commissione dei Premi di Musica 2006 dell'Unione dei Critici Greci di Musica e Teatro ha scelto TIMAClub come candidato di distinzione onorifica per un lavoro discografico di interesse greco (Lappas CD). La cirimonia avrà luogo il 4 Dicembre 2006 alle ore 12 (mezzogiorno) nell'aula Dimitri Mitropoulos di Athens Concert Hall.".
LAPPAS:
Recensione dalla rivista L'OPERA numero 195 del Gennaio 2005.
MARTINELLI:
I’ve never seen a more beautiful produced book. It could have been called “Giovanni Martinelli-A Life in Pictures”. The quality of the photographs is simply stunning, better than that of many art books published by the best international publishers. The entire layout is gorgeous and even beyond that, very tastefully done. The text (and discography) are incredible. I’m proud to have been involved in a very small way.
The CDs… are the best ever devoted to GM. Your choice of records was unusual, but effective. The transfers are some of the best I’ve heard on historical CDs for years: they sound just like the records. Most historical CDs are so bad they can only be played on two-onch computer speakers! The OTELLO set is unbelievable--best I’ve ever heard it transferred…
I hope the book receives the fabulous reviews it deserves. I only wish Bill Collins were here to see it--he would be thrilled!

( from a letter e-mail (17 june 2007) of  William “Bill” Shaman, member & contributor of ARSC, NY)

...Non ho mai visto prodotto un libro più bello. Lo si sarebbe potuto intitolare “Giovanni Martinelli – Una vita attraverso le fotografie” perché la loro qualità è semplicemente sbalorditiva, migliore di quella di molti libri d’arte pubblicati da editori di fama internazionale. L’intero progetto è superbo e realizzato in modo molto raffinato.
Il testo e la discografia sono incredibili. Sono orgoglioso di essere stato coinvolto in questa iniziativa, anche se in piccola parte.
I CD sono i migliori tra quelli dedicati finora a GM. La tua scelta dei brani è unusuale, ma efficace e i riversamenti sono tra i migliori da me ascoltati nei CD storici da anni: suonano proprio come i dischi a 78 giri. La maggior parte dei CD storici è fatta così male da poter essere ascoltata soltanto con i piccoli altoparlanti da due pollici dei computer! Il set dell’OTELLO è incredibile, il migliore che abbia mai sentito riversato.
Spero che il libro riceva le critiche che merita. Soltanto, mi piacerebbe che Bill Collins fosse qui per vederlo: ne sarebbe eccitatissimo!

( da una lettera e-mail (17 giugno 2007) di William “Bill” Shaman, membro dell’ARSC, NY)
CLAUDIO VILLA:
Claudio VIlla è tutto in questi 2 CD, che vanno comprati anche se ne hai già 150!
C'ero anche io a Sassari e a Cagliari: Che emozione risentire... Imperdibile!

Cosimo Corvetto, Sinnai (Cagliari) e-mail del 3 Agosto 2008

MARTINELLI:
   “Si attendeva da decenni una biografia dettagliata di Giovanni Martinelli (1885-1969) e Padoan e Tiberi hanno soddisfatto le attese nel modo più completo. Si tratta di un libro degno del soggetto: affascinante nella parte iconografica, documentatissimo nella narrazione biografica… di ammirevole completezza nella cronologia e ricco di curiosità nella discografia… I due CD allegati riproducono simpaticamente la voce parlata di Martinelli e affiancano alcune delle incisioni più rappresentative… a diversi inediti. Tra questi un intenso ed elegantissimo “Dieu que ma voix tremblante” dalla Juive (1924) ed un “E lucevan le stelle” del ’48 in cui le qualità timbriche della voce e la dignità musicale dell’interprete sono ancora evidenti”.

(Stephen Hastings su Musica, Giugno 2008).

NILO OSSANI:
“Quello che mi ha letteralmente sbalordito è stato Nilo Ossani, un nome e una voce che non conoscevo e di cui non avevo mai sentito parlare… Una voce fresca, pulita, dolce e melodiosa, ma anche forte, con quegli acuti favolosi raggiunti senza nessuno sforzo, per poi scendere dolcemente accarezzandoti il cuore…”

(Nello Jovine, Battipaglia 13 giugno 2008)



Mail Icon
Mail
Top Icon
Top


Music Score